Lista di utenti taggati

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: RawTherapee & GIMP - gruppo di sostegno

  1. #1
    qTpista Maturo L'avatar di yohnny
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Vigo di Fassa - Vich (TN)
    Messaggi
    4,480
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    52
    Grazie
    234
    Ringraziato
    348 volte in 240 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)

    Cool RawTherapee & GIMP - gruppo di sostegno

    deShop image
    www.deshop.it
    Diventando un utente attivo questo banner scomparira'
    Ciao ragazzi!

    Anzitutto volevo parteciparvi che, facendo tesoro dei vostri preziosi consigli
    http://www.photocommunity.qtp.it/sho...-bivio…-oscuro
    ho finalmente upgradato il mio sistema operativo e scaricato il tandem free RawTherapee e GIMP.
    Dunque, visto che i colpevoli siete voi adesso vi tocca darmi una mano!

    Ho cominciato a far girare su RT un po' di raw di quest'estate.
    L'interfaccia è un po' rigida, ma non troppo ostica, sebbene non intuitiva come quella a cui ero abituato con Aperture. L'impressione è che le potenzialità del programma siano enormemente più elevate, che diversi strumenti sia meglio che io nemmeno li guardi, che serva un po' più di tempo e di applicazione rispetto alla PP minimal a cui sono abituato ma che i risultati mi obblighino ad ammettere che ne vale la pena. Soprattutto sto scoprendo delle possibilità di manipolare i colori, i contrasti e i dettagli che non immaginavo nemmeno esistessero

    Una cosa mi ha lasciato abbastanza spiazzato. In certe immagini, apro il RAW col profilo "default" e ne esce un'immagine globalmente simile a quella del jpeg embedded - o se preferite, che è lo stesso, a quella che si potrebbe ottenere con uno sviluppo basico in Viewer. Ragion per cui mi sono modificato il profilo "default" secondo quelle che mi sembrano essere le mie esigenze e mi pare che venga effettivamente buono come punto di partenza nella maggior parte dei casi.
    Però poi ho notato che, in alcune occasioni, specie con scatti un po' particolari (es: notturni, controluce, tramonti molto colorati) le cose cambiano in modo drastico e per me inspiegabile e il "mio profilo base", ma anche il default di RT o il "neutral" fornisca immagini con colori che non sono nemmeno dei lontani parenti di quelli che mi aspetterei e di quelli che si vedono nel jpeg embedded... tipo quelli che uscirebbero dal jpeg on-board di una vecchia Canon in muted col WB tutto starato ...e mi è toccato lavorarci non poco per tirare fuori un po' di azzurro da un cielo o una banale atmosfera calda da un tramonto. Vabbuò, sono poche foto e quindi poco male ma... capita anche a voi? C'è una ragione o una logica?

    Ho poi un dubbio sull'algoritmo di demosaicitzzazione: di default è amaze, ma ho letto che alcuni consigliano IPV4 per le Oly.
    Ebbene, ho notato che dove c'è un cielo bello saturo, è piuttosto facile notare irregolarità nel colore. Anche evidenti, senza dover andare al 200%. Cosa che con Aperture mi succedeva solo se calcavo parecchio sulla saturazione. Ho notato che passando a IPV4 le cose migliorano, e aggiungendo un passaggio nell'apposito strumento spariscono quasi completamente i falsi colori. Per toglierli del tutto, basta una passata di denoise in automatico sul rumore di crominanza. Spesso rimane un azzurro poco regolare, ma in questo caso basta dare un po' di correzione anche sulla luminanza - e ovviamente stare attenti a non aggiungere saturazione o dettaglio.
    Ora, le mie domande sono:
    a) è normale che con un raw a 200 ISO debba fare le acrobazie col denoise per togliere i pixel verdi o rossi dal cielo???
    b) il modo di procedere (IPV4, rimozione dei falsi colori, denoise di crominanza ed eventualmente di luminanza) è corretto o dovrei agire diversamente?
    c) val la pena impostare di default l'algoritmo IPV4 con un passaggio per la riduzione dei falsi colori, o ci sono delle controindicazioni/dei pregi di amaze per le foto che non hanno questo tipo di problemi?

    Invece quello che in RT mi pare manchi totalmente è qualsiasi possibilità di ritocchi locali: pennelli o livelli o comunque strumenti che non agiscano sull'intera immagine. Corretto?
    Francamente dover cambiare programma per clonare un piccione o un filo del telefono mi pare una seccatura... ma ho scaricato GIMP, release stabile 2.8. Peccato che passando da uno all'altro salvando un TIFF 16bit, mi dica che viene a convertito a 8 perché GIMP non gestisce i 16 bit. Siccome quegli 8 in più non dovrebbero essere proprio di troppo, come si fa? Ho letto in giro che bisogna scaricarsi una versione di sviluppo: 2.9.x. Ora, io già ho capito che con GIMP litigherò... la versione di sviluppo mi complicherà ancora le cose? Che faccio?

    Grazie in anticipo

    PS: qui trovate i primi risultati del mio cimento: datemi qualche dritta così capisco se sono su una buona strada...
    http://www.photocommunity.qtp.it/sho...238#post533238
    OMD: Olympus e-m1 - battery grip HLD-7
    micro: M.Zuiko 12-40 f2,8 - Samyang 7,5 fisheye - Panasonic 7-14 f4,0
    FourThirds: ZD 50 macro - ZD 50-200 SWD - Sigma 105 macro
    flash: Olympus FL-50 R - anulare Metz 15 MS-1 digital

  2. #2
    qTpista Esperto L'avatar di lilith
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Emilia-Paranoica
    Messaggi
    7,216
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    37
    Grazie
    317
    Ringraziato
    389 volte in 318 messaggi
    Menzionato
    18 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Al momento lavoro a 8 bit e non accuso mancamenti, vedremo gli sviluppi della prossima versione stable: chiaramente non mi dispiace qualche sfumatura in più. Alla prima voglia di qualcosa di nuovo proverò la "may be unstable".

    Il concetto di "may be unstable", per la loro comunità, è molto relativo. Togli il "may be un" e installala.

    Ma giusto per capire, non lo ricordo, che OS usi?

    Invece quello che in RT mi pare manchi totalmente è qualsiasi possibilità di ritocchi locali: pennelli o livelli o comunque strumenti che non agiscano sull'intera immagine. Corretto?
    Francamente dover cambiare programma per clonare un piccione o un filo del telefono mi pare una seccatura...
    RT è specializzato per lo sviluppo, ma si può passare l'immagine a GIMP direttamente, senza doverla prima salvare manualmente e poi aprirla in GIMP.
    Ultima modifica di lilith; 19th December 2017 alle 04:31
    "niubbi, ci sono talmente tanti paralleli tra me e voi che potete giocarci agli shanghai, come fate a dire ciò? Normalmente bevo acqua" Giancarlo Farina (BlackPixel)
    "La creazione fotografica assoluta, nel suo aspetto più libero, rinuncia a ogni riproduzione della realtà" Otto Steiner
    "Quando gli argomenti lo meritano, mi viene spontaneo esprimermi come si deve. E magari dirò una sciocchezza, ma l'avrò detta per bene" Orazio Mascioli

  3. Questi utenti hanno detto grazie a lilith per questo utile messaggio:

    yohnny (19th December 2017)

  4. #3
    qTpista Maturo L'avatar di yohnny
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Vigo di Fassa - Vich (TN)
    Messaggi
    4,480
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    52
    Grazie
    234
    Ringraziato
    348 volte in 240 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Allora credo che farò un tentativo... anche perché vedo che i rilasci stabili hanno circa la stessa frequenza dell’uscita di un’ammiraglia Oly....
    Per me comunque è un uso sporadico e ovviamente con il pulsante dedicato di RT. L’unica cosa che mi urta un po’ è dover prendere dimestichezza con un programma che mi pare complicato solo per usare qualche pennello...
    Vedo che RT potrebbe pure girare come plug-in di GIMP, ma per un uso essenzialmente limitato a una PP leggera non mi pare un’opzione molto sensata.
    OMD: Olympus e-m1 - battery grip HLD-7
    micro: M.Zuiko 12-40 f2,8 - Samyang 7,5 fisheye - Panasonic 7-14 f4,0
    FourThirds: ZD 50 macro - ZD 50-200 SWD - Sigma 105 macro
    flash: Olympus FL-50 R - anulare Metz 15 MS-1 digital

  5. #4
    qTpista Maturo L'avatar di yohnny
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Vigo di Fassa - Vich (TN)
    Messaggi
    4,480
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    52
    Grazie
    234
    Ringraziato
    348 volte in 240 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Ah, scusa... Mac OS 10.13.2 cioè High Sierra su un iMac 27" i5 con 12 giga di RAM del 2011
    OMD: Olympus e-m1 - battery grip HLD-7
    micro: M.Zuiko 12-40 f2,8 - Samyang 7,5 fisheye - Panasonic 7-14 f4,0
    FourThirds: ZD 50 macro - ZD 50-200 SWD - Sigma 105 macro
    flash: Olympus FL-50 R - anulare Metz 15 MS-1 digital

  6. #5
    qTpista Esperto L'avatar di lilith
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Località
    Emilia-Paranoica
    Messaggi
    7,216
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    37
    Grazie
    317
    Ringraziato
    389 volte in 318 messaggi
    Menzionato
    18 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Novità? Risultati esperimenti?
    "niubbi, ci sono talmente tanti paralleli tra me e voi che potete giocarci agli shanghai, come fate a dire ciò? Normalmente bevo acqua" Giancarlo Farina (BlackPixel)
    "La creazione fotografica assoluta, nel suo aspetto più libero, rinuncia a ogni riproduzione della realtà" Otto Steiner
    "Quando gli argomenti lo meritano, mi viene spontaneo esprimermi come si deve. E magari dirò una sciocchezza, ma l'avrò detta per bene" Orazio Mascioli

  7. #6
    qTpista Navigato
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    1,589
    Foto in Bacheca
    1
    Immagini
    26
    Grazie
    92
    Ringraziato
    180 volte in 152 messaggi
    Menzionato
    4 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Certo che gimp è da anni che i 16bit sono "stanno per introdurli"...
    In ogni caso se hai fatto lo sviluppo in tutte le sue parti e poi passi la foto in PS solo per clonare qualche cavo agire marginalmente su qualche aspetto quei 8bit persi (che poi per le m4:3 sono 4bit persi in quanto il raw è a 12bit) sono pressoché trascurabili...
    Se invece passi a gimp per cose più "impegnative" come recupero importante di ombre/luci in una determinata area allora i bit persi possono farsi sentire...

    Comunque provare affinity Photo? la versione PC dicono sia ancora acerba, ma quella Mac dovrebbe funzionare piuttosto bene, forse non ancora ai livelli di PS ma sembra veramente ottima e la stanno sviluppando in fretta, si compra in promo a 40 euro poco più...
    Considerando che si propone a diventare una valida alternativa a Photoshop io ci farei un pensiero, sostituisce anche il software per sviluppo RAW perchè è integrato.
    Olympus E-M1, EPL5 / Panasonic G3
    Oly: 40-150 MSC, 35mm Macro, 14-54II 50-200ED / Pana: 14-42X, 14mm, leica25mm / samy 7,5
    http://www.enricochiaretto.it/foto
    https://500px.com/enriko11

  8. #7
    qTpista Maturo L'avatar di yohnny
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Vigo di Fassa - Vich (TN)
    Messaggi
    4,480
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    52
    Grazie
    234
    Ringraziato
    348 volte in 240 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Enriko!! Visualizza Messaggio
    In ogni caso se hai fatto lo sviluppo in tutte le sue parti e poi passi la foto in PS solo per clonare qualche cavo agire marginalmente su qualche aspetto quei 8bit persi (che poi per le m4:3 sono 4bit persi in quanto il raw è a 12bit) sono pressoché trascurabili...
    Allora, l'unica cosa a cui mi servirebbe GIMP è ad ovviare alla mancanza assoluta (ma correggetemi se sbaglio, magari sono io che non li trovo ) di strumenti per le correzioni locali in RT.
    Con Aperture usavo abbastanza frequentemente i pennelli, ma ora con RT ho a disposizione regolazioni molto più estese, potenti e selettive specie sui dettagli e sui colori, quindi l'esigenza mi pare (ho sviluppato non più di un centinaio di RAW, quindi ho un'esperienza limitata) molto meno pressante. Userei GIMP in linea di massima per clonare, per sfuocare selettivamente o per enfatizzare localmente il dettaglio; eventualmente per lisciare un po' la pelle nei ritratti (devo prendere un po' di mano ma la funzione contrast by level details con la possibilità di restringere il target ai toni della pelle possa bastare a meno di imperfezioni molto evidenti) o per recuperare o trattare separatamente aree critiche (cielo in genere, ma lo faccio solo per scatti molto particolari, altrimenti lascio com'è o cestino).
    Quindi i 16 bit, non lavorando sui colori, potrebbero essere una pippa... buono a sapersi.
    Certo poi, se la relase "instabile" non è poi tale, tanto vale...
    L'unica cosa che mi secca un po' è dovermi orientare in un software che mi pare molto ricco di possibilità per usare tre strumenti in croce.

    Comunque provare affinity Photo?
    ...e anche questa potrebbe essere un'idea... mi sembrerebbe decisamente un programma completo, con tanto di pennelli e livelli, assemblaggio HDR, panoramiche e focus stacking...ma anche abbastanza complesso e votato alla grafica, diciamo in stile PS. In linea di massima io preferirei un software più essenziale e prettamente dedicato al fotoritocco; ma per 40 euro questo sembra davvero tanta roba!
    Qualche informazione in più? In particolare sull'interfaccia, intuitività uso e funzionalità degli comuni strumenti di correzione esposizione, dettaglio e colore anche in paragone a RT?
    OMD: Olympus e-m1 - battery grip HLD-7
    micro: M.Zuiko 12-40 f2,8 - Samyang 7,5 fisheye - Panasonic 7-14 f4,0
    FourThirds: ZD 50 macro - ZD 50-200 SWD - Sigma 105 macro
    flash: Olympus FL-50 R - anulare Metz 15 MS-1 digital

  9. #8
    qTpista Maturo L'avatar di yohnny
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Vigo di Fassa - Vich (TN)
    Messaggi
    4,480
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    52
    Grazie
    234
    Ringraziato
    348 volte in 240 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da lilith Visualizza Messaggio
    Novità? Risultati esperimenti?

    Poco tempo
    GIMP per ora l'unica funzione che ho usato è la X rossa che chiude il programma

    Con RT devo ancora prenderci la mano, ma per molti versi mi piace.
    La trovata dei files sidecar è geniale: ho sempre preferito gestire l'archiviazione attraverso il file syestem e qui si può farlo direttamente, senza dover mai importare, esportare o sincronizzare niente e potendo spostare quello che vuoi dove vuoi e quando vuoi senza procedure apposite... anche lavorando su più macchine, basta trasferire i RAW coi sidecar su una chiavetta e puoi spostarti senza battere ciglio: altro che nuvole! Anche la gestione dei profili personali e la possibilità di poterli applicare parzialmente mi sembrano funzionali. Peccato invece che la cronologia delle operazioni sul singolo RAW sia limitata alla sessione di lavoro: se si esce dal programma, non è più possibile ripartire da un momento precedente e bisogna eventualmente azzerare a mano i singoli strumenti.
    Le funzionalità di correzione dell'esposizione mi sembrano ottime. Spesso basta un "auto levels" ed è una cosa che mi ha lasciato basito. Recupero e compressione delle aree sovra e sottoesposte le trovo pure buone, e molto funzionale il filtro graduato pienamente personalizzabile. Alla fine, uso pochissimo le curve: raramente ce n'è bisogno. Molto complete e ben fatte le correzioni LAB: volendo ci fai tutto o quasi.
    Anche gli strumenti di gestione del dettaglio e del rumore mi sembrano ottimi: molto vari e dettagliati, troppo per me, ma tutto sommato comunque intuitivi e abbastanza rapidi da usare.
    Con la gestione del colore, sto scoprendo un mondo! Un po' meno intuitivo, specie se si usano assieme strumenti diversi non è facile trovare la quadra, o capire al volo qual'è lo strumento migliore su cui puntare per il risultato che vuoi ottenere...
    Sto ignorando totalmente il "color management", perché non ho nessun controllo sulla mia catena del colore (schermo non tarato, luce ambiente ballerina, niente profili ICC per la stampa...) quindi mi pare proprio che non ci siano le condizioni. Anche le impostazioni wavelet le sto ignorando, con l'eccezione del "contrast by level details" che è piuttosto intuitivo e funzionale, e credo proprio che continuerò così
    Sono un po' perplesso dall'uso dello strumento crop: praticamente l'interfaccia ti fa vedere solo la parte di immagine selezionata, tutto il resto lo si vede solo nel piccolo riquadro del "navigator": quindi selezionare non è molto semplice, panche perché appena fai click, l'immagine se ne va
    Ho ancora qualche grattacapo con l'area RAW. Ho già detto del problemino con la demosaicizzazione, più evidente se si utilizza l'algoritmo AMaZE ma presente anche con gli altri: la cosa strana è che si presenta solo in condizioni molto particolari, io l'ho trovato solo nei cieli poco saturi e con presenza di nuvole diffuse, con luce calda... ma non riesco a correggerlo del tutto se non passando per la riduzione del rumore di crominanza. Invece spesso i cieli blu saturi (anche solo vagamente saturi) "sfondano", e l'unico rimedio che ho trovato è desaturare quelle frequenze o utilizzare lo strumento per la riduzione del rumore di luminanza. Mi sono fatto l'idea che la cosa abbia a che fare con la mancanza di filtro anti-aliasing della e-m1: lo sviluppo fatto in macchina o con OV3 probabilmente elimina il problema alla radice, e anche con altri software di sviluppo non l'avevo mai notato, ma mi par di capire che RT utilizzi un motore di sviluppo RAW che ignora orgogliosamente qualsiasi suggerimento della fotocamera per tarare e correggere tutto a modo suo: il che, nel caso concreto, crea qualche grattacapo. Come anche con la gestione del colore, in qualche occasione: ricreare un blu decente e delle nuvole calde che fossero simili a ciò che si vedeva nel jpeg embedded di un tramonto è stata un'avventura che ha coinvolto praticamente tutte le utilities di correzione del colore e del WB a disposizione!
    Anche l'interfaccia non è poi così ostica. E il programma lavora fluido e veloce, anche se crasha ogni tanto, come faceva pure Aperture.
    Non ho digerito bene il flusso di lavoro: il software ti proporrebbe l'ordine esposizione->dettaglio->colore->crop/ruota/correzioni lenti e prospettiva->impostazioni RAW; io invece ero abituato a croppare, ruotare e raddrizzare all'inizio del processo, e quando mi sorgono grattacapi con la demosaicizzazione devo lavorare con un piede nella scheda RAW e l'altro in quella del dettaglio dove si trovano gli strumenti di correzione del rumore; tra i tab di esposizione e colori faccio spesso avanti e indietro, anche perché la scheda esposizione contiene tutte le correzioni LAB comprese le curve che agiscono su saturazione, tinta e tonalità... insomma, o il raggruppamento degli strumenti è migliorabile o io devo imparare a pensare in modo più simile a chi l'ha concepito.
    OMD: Olympus e-m1 - battery grip HLD-7
    micro: M.Zuiko 12-40 f2,8 - Samyang 7,5 fisheye - Panasonic 7-14 f4,0
    FourThirds: ZD 50 macro - ZD 50-200 SWD - Sigma 105 macro
    flash: Olympus FL-50 R - anulare Metz 15 MS-1 digital

  10. #9
    qTpista Maturo L'avatar di yohnny
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Vigo di Fassa - Vich (TN)
    Messaggi
    4,480
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    52
    Grazie
    234
    Ringraziato
    348 volte in 240 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Allorallora... ho provato a buttare un occhio anche su Affinity Photo, che mi è sembrato un gran bel software, con un'interfaccia decisamente fruibile e ad un piccolo prezzo; però non fa per me.
    E' pensato per chi lavora in una prospettiva essenzialmente grafica, con elaborazioni molto spinte su un'immagine alla volta e su poche immagini in assoluto; non tanto per una questione di tempi in senso stretto ma in termini di flusso di lavoro: apri manualmente un RAW alla volta, regola, premi il tasto sviluppo, passa eventualmente nell'area principale per i ritocchi più sofisticati, salva il progetto manualmente, esporta l'immagine finita, chiudi e quindi passi al RAW successivo da aprire manualmente... se poi tre foto dopo ti viene in mente che potevi fare qualcosa di diverso devi riaprirti il progetto... solo a pensare di gestire in questo modo qualche centinaio di scatti portati a casa dalle vacanze, mi viene l'orticaria!
    Poi me interesserebbe principalmente l'area sviluppo RAW, che ha il vantaggio enorme di poter gestire addirittura maschere e livelli (io mi accontenterei di qualche pennello!), ma mi pare meno completa rispetto a RT sui versanti della manipolazione del colore e del controllo del dettaglio/rumore, che nella maggior parte degli scatti è ciò che mi sembra più interessante.

    Nel frattempo ho pure constatato che non esiste la release di sviluppo (2.9.x) di GIMP per sistemi Mac OS X, quindi mi tengo gli 8 bit della 2.8.x "stabile"

    L'ideale, per me, sarebbe un software simile ad Affinity come impostazione, ma centrato sullo sviluppo RAW e capace di gestire in modo continuo un flusso di lavoro basato su una filmstrip o una cartella di scatti... e ovviamente non mi darei pena se desse meno possibilità di elaborazione grafica spinta. Non ditemi che quel software è Lightroom: avrete anche ragione, ma io ho la mia personale crociata contro le nuvole a pagamento perpetuo. Al limite potrebbe essere Capture One, ma costicchia e mi seccherebbe spendere quei soldi per ritrovarmi a litigare con l'interfaccia... voi che ne pensate?
    Oppure, che è lo stesso, un programma di elaborazione grafica piuttosto essenziale, da affiancare a RT con cui mi trovo fondamentalmente bene, che abbia un'interfaccia un po' meno ostica e senza le limitazioni di GIMP.
    Consigli??? Altrimenti mi terrò quest'ultimo e vedrò di trovare un modo per non litigarci troppo
    L'alternativa sarebbe comprarmi Affinity per affiancarlo a RT in luogo di GIMP...
    OMD: Olympus e-m1 - battery grip HLD-7
    micro: M.Zuiko 12-40 f2,8 - Samyang 7,5 fisheye - Panasonic 7-14 f4,0
    FourThirds: ZD 50 macro - ZD 50-200 SWD - Sigma 105 macro
    flash: Olympus FL-50 R - anulare Metz 15 MS-1 digital

  11. #10
    qTpista Navigato L'avatar di awretus
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Beinasco (TO)
    Messaggi
    1,138
    Foto in Bacheca
    9
    Immagini
    391
    Grazie
    104
    Ringraziato
    261 volte in 147 messaggi
    Menzionato
    4 Post(s)
    Taggato
    1 Thread(s)
    Hai provato a guardare darktable?
    Sergio Chiappino - www.cronoescursioni.it

    «Anche in fotografia, come nel passaggio da una lingua a un'altra, una traduzione tropo letterale spesso risulta inadeguata, e solo una resa "libera" riesce a rappresentare efficacemente il soggetto» (Andreas Feininger)

Discussioni Simili

  1. [Digitale] Sostegno di Noventa
    Di polaroid nel forum [REPORTAGE] Varie
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 4th October 2012, 22:18
  2. [Digitale] sostegno spinoso
    Di Robin nel forum [REPORTAGE] Fauna e Microfauna
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12th August 2010, 19:03
  3. [Digitale] Pilone sostegno ponte
    Di Brownsugar74 nel forum [REPORTAGE] Architettura
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 9th December 2008, 12:32
  4. RawTherapee
    Di Sergio.c nel forum La camera oscura digitale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 1st November 2008, 12:57
  5. [Digitale] Sostegno
    Di Robin nel forum [REPORTAGE] Street Photography
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 9th September 2008, 12:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •