Lista di utenti taggati

Visualizza Risultati Sondaggio: Su quale Autore scegliete di cimentarvi?

Partecipanti
18. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 1- Elliot Erwitt

    3 16.67%
  • 2- Edward Weston

    5 27.78%
  • 3- Robert Doisneau

    0 0%
  • 4- Vivian Maier

    10 55.56%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: il nuovo autore

  1. #1
    Responsibile Attività Fotografiche L'avatar di vittali
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,379
    Foto in Bacheca
    21
    Immagini
    495
    Grazie
    1,790
    Ringraziato
    1,291 volte in 905 messaggi
    Menzionato
    28 Post(s)
    Taggato
    1 Thread(s)

    il nuovo autore

    deShop image
    www.deshop.it
    Diventando un utente attivo questo banner scomparira'
    Visti i risultati dei vostri lavori su Minor White, l'interesse e la maturità dimostrate ho pensato questa volta di fare scegliere a voi con un sondaggio su quale Autore tutti si cimenteranno. Ne ho scelti 4, che ritengo di grandissimo interesse, tre nel Gotha della fotografia da tanti anni, una più recentemente giunta alla notorietà, ma secondo di pari importanza e forse quella che personalmente sceglierei. Si tratta di:

    1 - Elliot Erwitt

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: erwitt-france_180x119.jpg
Visite: 90
Dimensione: 13.9 KB
ID: 35426

    2 - Edward Weston
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: weston.jpg
Visite: 74
Dimensione: 6.5 KB
ID: 35428

    3 - Robert Doisneau
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: doisneau kiss.jpg
Visite: 42
Dimensione: 19.4 KB
ID: 35425

    4 - Vivian Maier
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: maier.jpg
Visite: 2246
Dimensione: 248.5 KB
ID: 35427

    A voi la scelta. Il sondaggio è aperto fino al 15 gennaio. Poi si comincerà a produrre sull'Autore prescelto con la stessa metodologia che abbiamo usato per Minor White.
    Tutti gli utenti intenzionati a partecipare possono votare: il voto non è vincolante, ma la partecipazione è raccomandata.

    Un saluto e un augurio di buon 2015 a tutti voi.


    vittali
    Ultima modifica di vittali; 7th January 2015 alle 19:32
    www.lorenzovitalifoto.it

    "Spesso la composizione è davvero il mezzo migliore che un fotografo ha a disposizione per mostrare la complessità della vita; la struttura di un’ immagine può suggerire la forma che diviene bellezza." (Robert Adams)

  2. The Following 3 Users Say Thank You to vittali For This Useful Post:

    BlackPixel (8th January 2015),bozzi-francesco (8th January 2015),giuliosteva (9th January 2015)

  3. #2
    Responsabile area tecnica L'avatar di domy
    Data Registrazione
    May 2009
    Località
    Busto Arsizio
    Messaggi
    4,983
    Foto in Bacheca
    11
    Immagini
    360
    Grazie
    1,273
    Ringraziato
    1,318 volte in 994 messaggi
    Menzionato
    65 Post(s)
    Taggato
    3 Thread(s)
    Vivian Meier

    Folgorante
    "Out of the Shadows" è la pubblicazione fotografica che più apprezzo in questo periodo.
    Ognuno di noi filtra il reale trasformandolo in qualcosa che gli appartiene; quando proponiamo nostre immagini, viene quindi svelata più o meno volontariamente la nostra personale lettura del visto.

    - Flickr- Domenico Cichetti Fotografo (poco aggiornato) - Books

  4. Questi utenti hanno detto grazie a domy per questo utile messaggio:

    vittali (8th January 2015)

  5. #3
    Responsibile Attività Fotografiche L'avatar di vittali
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,379
    Foto in Bacheca
    21
    Immagini
    495
    Grazie
    1,790
    Ringraziato
    1,291 volte in 905 messaggi
    Menzionato
    28 Post(s)
    Taggato
    1 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da domy Visualizza Messaggio
    Vivian Meier

    Folgorante
    "Out of the Shadows" è la pubblicazione fotografica che più apprezzo in questo periodo.
    Piace moltissimo anche a me. Mi fa piacere riscuota consensi.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    www.lorenzovitalifoto.it

    "Spesso la composizione è davvero il mezzo migliore che un fotografo ha a disposizione per mostrare la complessità della vita; la struttura di un’ immagine può suggerire la forma che diviene bellezza." (Robert Adams)

  6. #4
    GRAN qTpista L'avatar di efke25
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    18,000
    Foto in Bacheca
    14
    Inserzioni Blog
    8
    Immagini
    1035
    Grazie
    193
    Ringraziato
    810 volte in 608 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Nonriuscirei mai a fotografare come una donna. Voto Erwitt

  7. Questi utenti hanno detto grazie a efke25 per questo utile messaggio:

    vittali (12th January 2015)

  8. #5
    qTpista Esploratore L'avatar di joe60
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Frosinone
    Messaggi
    780
    Foto in Bacheca
    0
    Immagini
    13
    Grazie
    40
    Ringraziato
    129 volte in 74 messaggi
    Menzionato
    3 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Da come vanno le cose pare che ci sia una preferenza per la Maier… personalmente, sarà per il fatto che sulla street photography che vede una certa preferenza di foto alle persone, io ci ho messo da tempo una croce sopra, mi sono stancato di sentirmi dire: lei non mi può riprendere… chiamo i vigili…e francamente non mi va di andare in giro con liberatorie, pertanto per non rischiare denunce per violazione della privacy e del diritto all’immagine, non fotografo persone nemmeno se mi pagano. Ai tempi della Maier le cose erano sicuramente diverse, la fotografia non era così diffusa e per le foto anche a bambini non vi erano grossi problemi, con le dovute eccezioni…come la disavventura capitata a Robert Doisneau per la foto: “ Bacio davanti all'hotel De Ville” scattata in quel di Parigi nel 1950, per la quale nel 1992 una coppia l’ha denunciato per rivendicare il proprio diritto all’immagine, fortunatamente per Doisneau la cosa è finita bene. Quindi per via di tali rischi, non mi interesso da anni di questo genere di fotografia benchè conosca almeno per sommi capi i più importanti street photographer, apprezzando il lavoro di alcuni più di altri, in particolare per la metodica seguita, ad esempio Doisneau (che stranamente in questa selezione nessuno se l’è filato) non fotografava il “Reale” ma ci metteva un pizzico della sua fantasia, lui diceva: “Per tutta la vita mi sono divertito a fabbricare il mio piccolo teatro” ed ancora: “Io non fotografo la vita reale, ma la vita come mi piacerebbe che fosse” Questo tipo di approccio mi piace molto, peccato che non possa permettermi delle modelle. Tuttavia, preferisco l’umorismo di Erwitt (che ho votato), trovo la sua street photography più interessante e divertente, in particolare il suo lavoro sui cani. Tornando alla Maier, ho visto molte sue foto, ma le ho dovute osservare più volte per trovarle davvero interessanti, inoltre vedo il suo lavoro soprattutto degli anni 50/60 come un documento storico sugli usi e costumi degli americani di quegli anni, e che a differenza di Doisneau la Maier ha avuto il coraggio di immortalare “il Reale” e non ciò che le poteva piacere immaginare. La storia di codesta tata con la passione segreta per la fotografia, mi fa comunque riflettere... Ad ogni modo, se in questa selezione prevarrà la Maier difficilmente parteciperò al contest, per le ragioni su esposte, diversamente…vedremo.
    Ultima modifica di joe60; 21st January 2015 alle 21:40

  9. Questi utenti hanno detto grazie a joe60 per questo utile messaggio:

    vittali (12th January 2015)

  10. #6
    qTpista Maturo L'avatar di Milvia
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Udine
    Messaggi
    2,920
    Foto in Bacheca
    5
    Immagini
    298
    Grazie
    593
    Ringraziato
    892 volte in 680 messaggi
    Menzionato
    20 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    eh no, joe60, che è sta cosa? tu devi partecipare neppure io ho votato la maier ma per fortuna non ha fatto solo street, siamo già in pochi ad accettare le sfide e uno bravo come te si tira indietro?

  11. The Following 2 Users Say Thank You to Milvia For This Useful Post:

    domy (14th January 2015),vittali (12th January 2015)

  12. #7
    qTpista Navigato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Parma
    Messaggi
    1,677
    Foto in Bacheca
    3
    Immagini
    24
    Grazie
    15
    Ringraziato
    117 volte in 70 messaggi
    Menzionato
    4 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Io ho votato Weston per consentire una affluenza maggiore di utenti. Gli altri sono tutti validi ma decisamente più ostici (per me ovvio)...speriamo comunque di non ritrovarci in 4 gatti come con l'ultimo autore. Poi cerchiamo visto che sono passati tanti anni ed ovviamente gli usi ed i costumi sono diversi di capire come fotograferebbero "oggi" quegli autori, credo sia più stimolante che cercare il semplice "copia e incolla".

  13. Questi utenti hanno detto grazie a arny per questo utile messaggio:

    vittali (12th January 2015)

  14. #8
    Responsibile Attività Fotografiche L'avatar di vittali
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,379
    Foto in Bacheca
    21
    Immagini
    495
    Grazie
    1,790
    Ringraziato
    1,291 volte in 905 messaggi
    Menzionato
    28 Post(s)
    Taggato
    1 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Milvia Visualizza Messaggio
    ...la maier ma per fortuna non ha fatto solo street...
    ecco, valutiamo tutto con attenzione come ha fatto Milvia
    www.lorenzovitalifoto.it

    "Spesso la composizione è davvero il mezzo migliore che un fotografo ha a disposizione per mostrare la complessità della vita; la struttura di un’ immagine può suggerire la forma che diviene bellezza." (Robert Adams)

  15. #9
    GRAN qTpista L'avatar di efke25
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    18,000
    Foto in Bacheca
    14
    Inserzioni Blog
    8
    Immagini
    1035
    Grazie
    193
    Ringraziato
    810 volte in 608 messaggi
    Menzionato
    9 Post(s)
    Taggato
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Milvia Visualizza Messaggio
    eh no, joe60, che è sta cosa? tu devi partecipare neppure io ho votato la maier ma per fortuna non ha fatto solo street, siamo già in pochi ad accettare le sfide e uno bravo come te si tira indietro?
    Io mi metto la gonna

  16. #10
    Responsibile Attività Fotografiche L'avatar di vittali
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Milano
    Messaggi
    13,379
    Foto in Bacheca
    21
    Immagini
    495
    Grazie
    1,790
    Ringraziato
    1,291 volte in 905 messaggi
    Menzionato
    28 Post(s)
    Taggato
    1 Thread(s)
    La visione del [Fotografo]
    Proviamo a fotografare come: Vivian Maier


    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: vm.jpg
Visite: 12
Dimensione: 5.8 KB
ID: 35710


    Alla fine l’ha spuntata l’idea più pazza: ne sono molto contento e in cuor mio sinceramente lo speravo. Su di lei anche un film di John Maloof, Charlie Siskel. Con John Maloof, Mary Ellen Mark, Phil Donahue, Vivian Maier Titolo originale Finding Vivian Maier. Documentario - USA 2013. - Feltrinelli Real Cinema
    Vi segnalo il sito ufficiale di Vivian Maier molto completo.
    E per “entrare” nello spirito vi consiglio di leggere questo breve articolo di Cristiana Allievi uscito su Panorama il 17 aprile 2014 con l’intervista a John Malof, lo scopritore della Maier


    “Una madre che riesce a malapena a guadagnarsi da vivere e un figlio con il desiderio compulsivo di possedere le cose. È nella tenaglia di questa contraddizione che cresce quel figlio: John Malof. Il quale, a 23 anni, si mette in testa di fare il fotografo, ma di fotografia non sa nulla. Poi nel 2007 partecipa a un’asta e paga 380 dollari per una scatola di negativi: senza immaginare che si tratta di una miniera d’oro.
    Quando scopre il contenuto, si mette sulle tracce di Vivian Maier, la defunta autrice degli scatti. E restituisce così alla storia la collezione di "street photography" più importante del XXI secolo. Opere d’arte che, senza di lui, sarebbero rimaste sepolte con la loro autrice: una misteriosa donna che ha scattato, in segreto, oltre centomila fotografie. Fino al 1° giugno, molte delle immagini saranno in mostra in Francia, nel castello di Tours, nella personale Vivian Maier: a photographic revelation. Dal 17 aprile, invece, la storia della fotografa sarà nelle sale cinematografiche grazie a Feltrinelli Real Cinema, nel documentario Alla ricerca di Vivian Maier, firmato da Charlie Siskel e da quello stesso John Malof, oggi 30 anni, che a Panorama rivela i misteriosi retroscena della sua scoperta.
    Quando ha acquistato quella scatola piena di rullini cosa ha pensato?
    Non avevo idea di cosa avessi in mano. Li ho passati allo scanner e solo 6 mesi dopo ho capito che si trattava non di semplici buoni scatti, ma di arte. Li
    ho pubblicati sul mio blog e la risposta è stata straordinaria. Se non fossimo nell’era dei social media, quello che racconto non sarebbe mai successo.

    Lei non conosceva nulla di Vivian Maier? Nemmeno se avesse un parente vivo?
    Sono partito dallo scoprire che era una "tata", una bambinaia, e la cosa mi ha sconvolto. Guardando le foto sembra impensabile. Pian piano, facendo il detective e intervistando molte persone, nel corso degli anni sono venuti fuori pezzi della vita di Vivian. È nata a New York nel 1926, nel 1951 ha iniziato a fotografare e nel ’56 si è trasferita a Chicago. Non aveva nessun legame con i suoi famigliari.

    Ha condotto da solo la sua ricerca?
    Ho dovuto chiedere aiuto a Charlie Siskel, produttore cinematografico e televisivo di Chicago che vive a Los Angeles (fra i suoi progetti il premio Oscar "Bowling for Columbine" di Michael Moore e "Religulous" con Bill Maher e Larry Charles, ndr). Avevo bisogno di qualcuno esperto nei documentari, che lavorasse con me.

    Che pista avete seguito?
    La pista è emersa strada facendo, mentre raccoglievamo informazioni su Vivian. Così abbiamo deciso di costruire il film mostrando esattamente come abbiamo scoperto le cose: passo dopo passo, attraverso incontri, viaggi, giornate passate nei depositi. Dalle chiacchierate con chi l’aveva conosciuta abbiamo capito che Vivian era una donna avventurosa, uno spirito libero. Nel suo lavoro di tata portava i bambini nelle zone povere dalla città, a vedere i recinti di bestiame da dove arrivava il cibo che mangiavano. Mostrava loro cose crude perché erano dei privilegiati.

    Poi la vostra storia prende un’altra piega...
    Sì, quando ci sono stati raccontati episodi che rivelano un carattere problematico: pare che Vivian picchiasse i bimbi e fosse terrorizzata dagli uomini.

    Poi lei ha scoperto altre 700 pellicole in un magazzino...
    Più altre 2 mila, questa volta a colori. A quel punto abbiamo scritto al Moma di New York, ma ci hanno risposto che non avevano spazio e che non trattavano artisti postumi. In un certo senso è comprensibile, si trattava di una cosa totalmente nuova.

    Che idea vi siete fatti, in generale, di lei?
    Non era una pazza. Crediamo che Vivian sapesse di essere una grande fotografa. Ma per mille coincidenze, e forse per la grande paura di essere rifiutata, non ha avuto visibilità.

    Che cosa è stato di Vivian Maier?
    Nel 2007, a 82 anni, è caduta sul ghiaccio, nel parco in cui si recava tutti i giorni: poi si è spenta a poco a poco in ospedale. Le persone per cui ha lavorato per anni, la cosa più vicina a una famiglia che abbia conosciuto, l’hanno fatta cremare e hanno sparso le sue ceneri nei campi in cui portava i bambini.

    Questo lavoro di ricerca come ha influito sulla sua vita?
    Non ero né un fotografo né un regista: è stata Vivian a trascinarmi nella fotografia. Con questo lavoro ho imparato a fare foto, ma anche a girare un film. Andavo a spasso per Chicago, dove si trovava la maggior parte delle persone da intervistare, con la mia macchina da presa. Oggi lavoro per l’archivio Vivian Maier e organizzo tutte le sue mostre nel mondo.

    Ma grazie al film ha raccontato una storia davvero straordinaria.
    Al di là del suo lavoro, la sola biografia di Vivian avrebbe meritato un film. Ma quello che fa la differenza, e che cambia le proporzioni della vicenda, sono le sue foto: così potenti da far capire che siamo fuori dall’ordinario.


    Regolamento

    Quanto alle modalità organizzative rimangono quelle che abbiamo utilizzato per Minor White e che per comodità dvi riporto qui sotto.
    Per il nostro "gioco" che ha per protagonista Vivian Maier vi chiedo una foto o in alternativa una breve serie di tre foto (no, due no), precedute da una vostra considerazione sull'impressione che avete ricevuto dall'approccio con questo Autore.
    Non vi pongo limiti di righe a riguardo: da 1 a 50 diciamo vanno bene. Potete corredare le vostre impressioni con immagini di repertorio dell'Autore oppure anche no. Vi lascio molto liberi
    L'unico vincolo è che dovete farci stare tutto in un unico post (le vostre impressioni sull'Autore e le vostre foto ispiratevi dall'Autore); la valutazione successiva infatti riguarderà il complesso della vostra proposta. Se piacerà avrete più "grazie". Se non piacerà ne avrete meno.
    La vostra foto (o le vostre tre foto) dovrà appartenervi come diritti e dovrà essere inedita per qTp. Avrà al solito il lato lungo di 800 px e peserà meno di 300 kb.
    Potrete iniziare a postare nell'apposito 3d che aprirò domani 16 gennaioe potrete continuare fino al 15 febbraio
    Da quella data inizieranno le votazioni che si esauriranno il 25 febbraio e che si esprimeranno con il sistema dei grazie.
    Da quella data avremo i risultati e daremo via libera al dibattito come consueto.
    Nonostante l'Autrice non sia stata scelta da tutti quelli che hanno votato mi aspetto una partecipazione consistente anche da parte di chi avrebbe preferito un altro Autore. Scopritela, Vivian Maier non vi deluderà. E’ un’avventura.
    Se avete dubbi o considerazioni relative a quanto qui espresso esprimetele pure.
    Qui sotto.
    Ultima modifica di vittali; 15th January 2015 alle 20:15
    www.lorenzovitalifoto.it

    "Spesso la composizione è davvero il mezzo migliore che un fotografo ha a disposizione per mostrare la complessità della vita; la struttura di un’ immagine può suggerire la forma che diviene bellezza." (Robert Adams)

Discussioni Simili

  1. Incontro con l'autore: Simona Ghizzoni al CsfAdams
    Di Luisa Briganti nel forum Filosofia della Fotografia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21st December 2013, 23:25
  2. un autore che mi piace
    Di efke25 nel forum Le foto che mi piacciono...
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 16th April 2012, 15:35
  3. [Digitale] Natale 2006 - luci d'autore a Torino
    Di IZ1DNJ nel forum [REPORTAGE] Street Photography
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 1st January 2007, 16:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •